Editoriali

davos-3.jpg

Clima e migranti al centro del summit di Davos

Mentre l’Italia sta appesa a Internet e Tv per sapere se i soccorritori riusciranno a strappare al terremoto e alla neve qualche vita umana, è passato sotto silenzio un report commissionato dal World Economic Forum di Davos (Wef) sui 5 maggiori rischi che il pianeta ha di fronte. Ebbene i 750 esperti mondiali  incaricati dell’indagine hanno messo al primo posto a partire dal 2017 la seguente minaccia: “Eventi climatici estremi e disastri naturali”.

read more
Il Monito del GiardinoClima e migranti al centro del summit di Davos
ebell.jpg

A tutti un buon 2017 verde, ma attenti a quei due

Siamo giunti alla fine del 2016, anno che passerà alla storia come il più caldo da quando l’uomo ha incominciato a misurarne la temperatura. Doveva restarci impresso anche perché finalmente, con le Cop 21 e 22 (Parigi e Marrakech), ben 195 Paesi si erano impegnati in modo concreto a ridurre le emissioni di gas serra puntando in modo deciso sull’economia verde e circolare. Ma, arrivati al traguardo del 365° giorno, ci rendiamo conto che c’è poco da essere ottimisti.

read more
Il Monito del GiardinoA tutti un buon 2017 verde, ma attenti a quei due
COP22.jpg

Ciclone Trump e COP22: “Io rinegozierò Parigi”

L’elezione di Donald Trump quale 46° presidente americano getta un ombra nera (come il petrolio e il carbone) sulla COP22 che si è aperta a Marrakech e dalla quale le 192 nazioni partecipanti si aspettano gli strumenti operativi per rendere possibili gli obiettivi stabiliti a Parigi nella lotta al global warming. Infatti,vuole ripudiare gli accordi sottoscritti e poi ratificati da Obama per ridurre entro il 2025 le emissioni di gas serra fino al 30% (rispetto al 2005).

read more
Il Monito del GiardinoCiclone Trump e COP22: “Io rinegozierò Parigi”
fotocava.jpg

Bilancio 2017, inascoltate le proposte di Legambiente

Il governo vara la Legge di Bilancio per il 2017  e, ancora una volta, le proposte fatte da Legambiente su una revisione della fiscalità mirata a favorire uno sviluppo sostenibile restano inascoltate. Ciò, nonostante le pressioni del presidente della Commissione Ambiente della Camera, Ermete Realacci.

read more
Il Monito del GiardinoBilancio 2017, inascoltate le proposte di Legambiente
obama_india_xin.jpg

A un passo dalla ratifica dell’accordo di Parigi

L’accordo di Parigi sta per diventare vincolante per i Paesi che l’hanno sottoscritto e che, a oggi, sono 62.  L’ultimo arrivato è l’India che da sola è responsabile del 4,5 % delle emissioni globali di gas serra. Con questi numeri sommati a quelli delle altre nazioni favorevoli si è raggiunto il 52,5 % delle emissioni mondiali. L’accordo di Parigi prevede che per entrare in vigore si debba raggiungere almeno il tetto del 55%.

read more
Il Monito del GiardinoA un passo dalla ratifica dell’accordo di Parigi
land-grabbing.jpg

Land grabbing, peggio dei mutamenti climatici

Nuovi segnali d’allarme da Oxfame e altre organizzazioni che difendono le popolazioni povere del mondo sul tema del land grabbing, ovvero l’accaparramento di terreni fertili e potenzialmente ricchi d’acqua dolce soprattutto da parte di speculatori finanziari americani, imprese statali cinesi e sceicchi. I dati sono impressionanti: ogni 7 secondi un’area grande come il Colosseo passa di mano costringendo almeno una famiglia ad abbandonare casa e lavoro e cambiare vita. Soltanto in Africa sono stati venduti 56 milioni di ettari di terra. Due volte l’Italia.

read more
Il Monito del GiardinoLand grabbing, peggio dei mutamenti climatici
PiaPera-1.jpg

Morta Pia Pera, fiore nel Giardino dell’umanità

E’ morta Pia Pera scrittrice e poetessa della Natura, appassionata combattente in difesa degli equilibri del pianeta, giurata, fin dalla fondazione, del Premio “Il Monito del Giardino”. E’ stata uccisa ma mai domata da un male lento e inesorabile, la Sla, che l’ha costretta all’uso del bastone, alla sedia a rotelle e infine al letto. Un’agonia vissuta con dolore ma anche con il distacco dei saggi, quasi nell’ottica di un fiore o di un frutto miracolosamente consapevoli dell’eternità che loro garantisce questa nostra Terra.

read more
Il Monito del GiardinoMorta Pia Pera, fiore nel Giardino dell’umanità
editoriale.jpg

Eco-criminalità: Rapporto 2016 di Legambiente

E’ stato presentato al Senato presenti i vertici dello Stato nel settore della Giustizia, dell’ordine pubblico e dell’ambiente, il rapporto 2016 di Legambiente su ecomafie e criminalità ambientale. Gli illeciti, dopo l’introduzione nel Codice penale degli eco-delitti (2015) sono numericamente diminuiti e l’azione repressiva è stata più efficace, ma la situazione resta critica soprattutto nell’agroalimentare. Ecco i dati. 

read more
Il Monito del GiardinoEco-criminalità: Rapporto 2016 di Legambiente
stop-ttip.jpg

TTIP e CETA: 9 ragioni per chiedere trasparenza

L’UE sta discutendo e sarebbe pronta a sottoscrivere due accordi commerciali: uno con il Canada (CETA, Accordo generale per l’economia e il commercio) ed uno con gli Stati Uniti (TTIP, Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti). La motivazione ufficiale sostiene che tali accordi creeranno posti di lavoro e crescita economica. I critici dicono che saranno solo le grandi multinazionali a trarne vantaggi. Così 40 sindaci di grandi città europee hanno dichiarato che non firmeranno alcun accordo che non tenga conto delle volontà dei loro amministrati. Queste sono le loro ragioni.

read more
Il Monito del GiardinoTTIP e CETA: 9 ragioni per chiedere trasparenza
Mattarella-vota.jpg

Referendum, un’autocritica per due fronti

Ha ragione il premier quando chiede al fronte del Sì uscito sconfitto dal Referendum “una sana e ampia autocritica”. Peccato però non capisca che come capo di un Paese e non di una tifoseria, quell’ autocritica dovrebbe farla anche lui di fronte ai quasi 13 milioni di Italiani che hanno votato contro le sue indicazioni e a favore del non rinnovo (a scadenza) delle concessioni petrolifere.

read more
Il Monito del GiardinoReferendum, un’autocritica per due fronti