Arno 1966, diario e immagini della catastrofe ambientale
e della ricostruzione

Arno ’66, fango e ideali”  era il titolo di uno speciale della rivista Doc che dieci anni fa veniva pubblicata dalla casa editrice Le Lettere.
Quel numero si incentrava sulle fotografie e il diario inedito dell’alluvione opera di un artista nato sul confine russo-polacco, cresciuto in America e trasferitosi a Firenze con la famiglia.

Lui si chiama  Nicola Kraczyna, oggi ha 76 anni e continua a insegnare incisione presso “il Bisonte”, storica scuola fiorentina di grafica.Per le immagini che corredano il testo il pittore ha avuto nel 1967 il Fiorino d’Oro. Il comitato organizzatore del Premio “Il Monito del Giardino”, grazie a Riccardo Monni che di quella rivista era direttore, ha pensato che nel 2016, a 50 anni dal tragico evento, sia opportuno condividere questa rara testimonianza con i visitatori del sito.

stili-vita.jpg

Lo stile di vita batte la co2. Dati del progetto EcoLife

Oltre 24 mila tonnellate di anidride carbonica in meno nell’atmosfera e un risparmio economico di 8,7 milioni di euro grazie all’adozione di nuovi stili di vita, improntati alla sostenibilità ambientale. Sono i risultati del progetto EcoLife, co-finanziato dalla Commissione Ue, che in tre anni di comunicazione e informazione ha coinvolto attivamente 6 mila cittadini, monitorando per 24 mesi l’attività quotidiana di 1.380 persone.

read more
Il Monito del GiardinoLo stile di vita batte la co2. Dati del progetto EcoLife
Un-esempio-di-discarica-abusiva-di-amianto.jpg

Italia: 56 milioni di multe per le discariche abusive

Ci sarebbe un modo semplicissimo per il nostro governo di risparmiare 56,6 milioni di euro all’anno. Come? Avendo a cuore l’ambiente ed eliminando 130 discariche classificate come “abusive” dall’Unione europea. Sì perché  quei milioni gettati ai rifiuti corrispondono esattamente alla multa che noi paghiamo per la loro esistenza.

read more
Il Monito del GiardinoItalia: 56 milioni di multe per le discariche abusive
colonnina-ricarica-auto-elettriche.jpg

L’Olanda vieta (dal 2025) auto a benzina o diesel

Ai primi del prossimo ottobre il Senato olandese (già perché il quel Paese non è previsto un referendum per la sua abolizione) tornerà a discutere una proposta già approvata dalla cosiddetta Camera bassa. Si tratta di una legge che modificherebbe in modo sostanziale il mercato europeo dell’automobile. Ossia del divieto, a partire dal 2025, di vendere nuovi veicoli con motore a combustione.

read more
Il Monito del GiardinoL’Olanda vieta (dal 2025) auto a benzina o diesel
installazione-impianti-fotovoltaici.jpg

Italia, più lavoro dove l’economia è verde

La crescita si è fermata e il lavoro scarseggia, la possibilità di arrestare cambiamenti climatici potenzialmente catastrofici diminuisce via via che passano i mesi. In questo contesto, reso ancor più complesso dall’aumento della popolazione globale, l’unica reale risorsa è uno sviluppo che minimizzi l’uso di energia, d’acqua e minerali, che trasformi i sistemi di trasporto, le strutture delle nostre case, i servizi e i prodotti industriali modificando così anche le nostre abitudini.

read more
Il Monito del GiardinoItalia, più lavoro dove l’economia è verde
land-grabbing.jpg

Land grabbing, peggio dei mutamenti climatici

Nuovi segnali d’allarme da Oxfame e altre organizzazioni che difendono le popolazioni povere del mondo sul tema del land grabbing, ovvero l’accaparramento di terreni fertili e potenzialmente ricchi d’acqua dolce soprattutto da parte di speculatori finanziari americani, imprese statali cinesi e sceicchi. I dati sono impressionanti: ogni 7 secondi un’area grande come il Colosseo passa di mano costringendo almeno una famiglia ad abbandonare casa e lavoro e cambiare vita. Soltanto in Africa sono stati venduti 56 milioni di ettari di terra. Due volte l’Italia.

read more
Il Monito del GiardinoLand grabbing, peggio dei mutamenti climatici
PiaPera-1.jpg

Morta Pia Pera, fiore nel Giardino dell’umanità

E’ morta Pia Pera scrittrice e poetessa della Natura, appassionata combattente in difesa degli equilibri del pianeta, giurata, fin dalla fondazione, del Premio “Il Monito del Giardino”. E’ stata uccisa ma mai domata da un male lento e inesorabile, la Sla, che l’ha costretta all’uso del bastone, alla sedia a rotelle e infine al letto. Un’agonia vissuta con dolore ma anche con il distacco dei saggi, quasi nell’ottica di un fiore o di un frutto miracolosamente consapevoli dell’eternità che loro garantisce questa nostra Terra.

read more
Il Monito del GiardinoMorta Pia Pera, fiore nel Giardino dell’umanità
Il Monito del GiardinoHome